Barbara Bonetta

Barbara Bonetta2018-09-02T13:14:39+00:00

Mi piacciono i pancake con lo sciroppo d’acero, le peonie e l’estate.

Adoro le pareti bianche: possono essere sporcate con mille storie.

Mi rilassa sentire il rumore dell’acqua del mare: è un continuo scorrere di idee.

Vedere la luce che entra dalla finestra la mattina mi fa alzare dal letto con un’energia diversa, probabilmente la mia giornata sarà positiva.

Le mie colleghe mi definiscono “Gabibbo”…. Si, sono una tenerona.

Mi riempie il cuore vedere la gente sorridere.

Amo ballare libera sulla spiaggia o in un prato verde, l’importante è essere sempre a piedi nudi.

“Sono nata in riva al mare. La prima idea del movimento e della danza mi è venuta di sicuro dal ritmo delle onde.”

Isadora Duncan

Chi è Barbara Bonetta?

Inizia lo studio della danza all’età di 4 anni, presso l’ Associazione Olimpia sotto la direzione artistica di Stefania Talia.

Negli anni, come danzatrice, ha sostenuto numerosi esami di danza jazz metodo Alzetta con i maestri francesi Serge Alzetta e Genevieve Blanchard.

Dal 1999 al 2014 frequenta stage di danza e teatro con maestri di chiara fama come: Raffaele Paganini, Alessandra Celentano, Mariolina Giaretta, Giacomo Gamba, Biagio Tambone, Emanuela Tagliavia, Luigi Grosso, S.Webb, A. Kouassi e molti altri.

Nel 2002 balla nella Compagnia”ArteDanza95” diretta da Stefano Gitti nello spettacolo “Lo Schiaccianoci”. Dal 2003 ad oggi danza nella Compagnia Areazione diretta da Stefania Talia, negli spettacoli “M&M” ,“Tre Rapide Trop Rapide”, “Woman”, “Magia Disney” e molti altri.

Nell’anno 2006, viene selezionata con altre 14 ragazze provenienti da tutta Italia, per entrare a far parte della Compagnia Giovanile dell’AEDJ (Accademie Europeenne De Danse Jazz) diretta da Serge Alzetta e Genevieve Blanchard.

Dal 2009 al 2013 danza per la compagnia Uno di Noi il musical “Più della Sabbia” (53 repliche in tournée per l’Italia) nata dalla collaborazione tra la Congregazione delle Suore Operaie della Santa casa di Nazareth di Brescia e il regista Umberto Gelatti.

Nell’anno accademico 2013-2014 studia danza contemporanea con Valentina Benedetti, insegnante di danza modern e contemporaneo.

Nell’Aprile 2014 partecipa ad un Workshop di Formazione Professionale G.I.D.A.S. Danza (Giocodanza Acrobatica Sport) e CSEN Ente nazionale riconosciuto dal Coni sul tema “Dalla Propedeutica alla Tecnica nella danza Classica” condotto da Marinella Santini.

Nel 2014 ha intrapreso il percorso di formazione per insegnanti di danza jazz metodo S.Alzetta dell’ Acadèemie Europèenne de Danse Jazz (AEDJ). Nel 2015 ha conseguito il diploma di abilitazione all’insegnamento di I° Grado e nel 2018 di II° grado.

Nel 2014 inizia ad insegnare danza nei corsi di Musical presso AreaMusical, al fianco di Simona Nolli, insegnante di canto.

Da Novembre 2015 a Giugno 2016 ha partecipato al progetto “ArteIncontro”, Laboratorio Artistico Teatro Danza: le attività di laboratorio sono state condotte da Giulia Gussago, direttrice artistica del progetto, danzatrice e coreografa, e con la collaborazione di Valbona Xibri, regista, e Alessandra Zanelli, sociopedagogista. Un’opportunità per vivere con consapevolezza l’ambiente carcerario e incontrare persone con vissuti diversi nell’azione creativa e artistica.

Da Gennaio a Marzo 2016 partecipa, dopo aver superato un’audizione, ad un progetto del coreografo Virgilio Sieni intitolato “Ultima Cena” esibendosi al Teatro Grande di Brescia. A Luglio dello stesso anno viene selezionata per partecipare come danzatrice allo spettacolo “In Memorian – After The End” diretto dal coreografo Sharon Fridman, all’Opera Estate Festival Veneto. Sempre nel 2016 è regista e coreografa di una performance di TeatroDanza per la Rassegna CorpusHomini nella serata “Corpi in Ballo” nel centro storico di Brescia, organizzata dal Comune e dalla Diocesi Bresciana.

Nel 2018 è coreografa di “Alici controccorrente” dell’Associazione Bambini in Braille, diretto da Simona Nolli (canto) e Stefania Pepe (teatro). Questo progetto nasce con l’obiettivo di lavorare sull’inclusione tra bambini ipovedenti, normodotati ed extracomunitari. Ha debuttato al Teatro Sociale di Brescia il 14 Aprile 2018 Dal 2017 è iscritta, a Milano, alla Formazione Triennale in Danzaterapia e Arteterapia con il metodo Maria Fux riconosciuta dal CONI.

Attualmente lavora anche come Insegnante di Sostegno presso il CFP Francesco Lonati di Brescia.